Le organizzazioni Teal: cosa sono e perchè saranno il futuro delle aziende

Benvenuti nel mondo delle Organizzazioni Teal, un paradigma organizzativo che sta guadagnando sempre più popolarità nel panorama aziendale. In questo articolo, esploreremo cosa sono le Organizzazioni Teal e chi è il loro ideatore Frédéric Laloux, i valori che le guidano, come si differenziano dai modelli organizzativi e come possono essere implementate con successo nelle PMI.


Cosa sono le Organizzazioni Teal 

Tutto nasce con Frédéric Laloux, il guru visionario che ha dato vita a questo paradigma organizzativo. Nel 2014, Laloux ci ha presentato la sua opera “Reinventing Organizations”: un libro che è diventato la bibbia per chi cercava di capire come dare una svolta alla propria azienda in modo più sostenibile e umano.

L’idea fondamentale dietro le Organizzazioni Teal è semplice quanto geniale: smettere di vedere le aziende come macchine complesse e iniziare a vederle come organismi viventi. Immagina il tuo ufficio come un giardino, dove ogni membro del team è un fiore unico, ma tutti contribuiscono al colore e alla bellezza complessiva.

Secondo Laloux, nel corso della storia, l’umanità ha attraversato diversi cambiamenti di visione e comprensione del proprio stato di essere. Ogni volta che si è verificato uno di questi cambiamenti, è emerso un nuovo modo di organizzare le cose, si è passati ad un nuovo stato di coscienza. Sorprendentemente, ogni nuovo modo di organizzazione è stato notevolmente più efficiente rispetto al precedente. 


Il modello culturale di Laloux

L’approccio Teal è per Lalloux il modello di cambiamento più recente, nonché il più rivoluzionario modo di organizzare e di pensare e costituisce la quinta ed ultima fase del cosiddetto Modello culturale di Laloux.

Questo concetto trae ispirazione dal Modello di Coscienza Umana creato dal filosofo Ken Wilber, un framework che esplora la crescita e lo sviluppo della coscienza nel corso del tempo. Ogni sfumatura di colore rappresenta una tappa distinta, un capitolo nella storia dell’evoluzione delle organizzazioni e della comprensione umana.

Organizzazioni Rosse:

Le “organizzazioni rosse” sono spesso paragonate a branchi di lupi, caratterizzate da un controllo e processi decisionali rigidamente imposti dall’alto verso il basso. Il potere è concentrato in pochi individui, mentre la paura è utilizzata come strumento principale per mantenere l’autorità e garantire il conformismo.
Esempio: le bande criminali

Organizzazioni Ambra:

Nelle “organizzazioni ambra” predominano gerarchie rigide e ruoli chiaramente definiti. Il gruppo si identifica spesso con una singola opinione o convinzione comune, utilizzando l’autodisciplina, la vergogna e i sensi di colpa per garantire dedizione e disciplina. Queste organizzazioni prosperano in realtà stabili e prevedibili.
Esempio: l’esercito

Organizzazioni Arancioni:

Le “organizzazioni arancioni” sono motivate dai risultati e dagli esiti ottenuti, spesso paragonate a macchine che si concentrano sui processi e sistemi che generano risultati tangibili.
Esempio: l’università o grandi imprese come le banche.

Organizzazioni Verdi:

Nelle “organizzazioni verdi”, l’attenzione è rivolta all’inclusione, alla delega e alla responsabilizzazione, con una motivazione guidata da scopi condivisi. Sebbene basate su gerarchie, cercano di coinvolgere e creare valore per tutti gli stakeholder, non solo per pochi potenti. Queste organizzazioni sono spesso paragonate a famiglie e basano le loro decisioni sul consenso.
Esempio: organizzazioni no-profit

Organizzazioni Foglia di Tè (Teal):

Le “organizzazioni foglia di tè” rappresentano la fase più radicale e sono identificate dal colore turchese scuro. Qui, ogni individuo contribuisce sulla base dei propri punti di forza e potenziale. In queste organizzazioni, il potere è distribuito organicamente tra diversi team e individui, consentendo un adattamento ed un’evoluzione continui. Al posto delle gerarchie tradizionali, ci sono team in grado di autogestirsi, basati sulla fiducia reciproca nelle capacità dei membri del team di prendere decisioni ed assumersi responsabilità.
Esempio: Patagonia, Zappos, Foxwin


I tre principi

Il modello di organizzazione Teal di basa su tre principi fondamentali: autogestione, interezza (wholeness in inglese) e senso evolutivo. 

  • Autogestione: nelle Organizzazioni Teal, il potere decisionale non risiede solo nella gerarchia, ma è distribuito tra tutti i membri. Quindi, niente più riunioni snooze-fest dove solo il capo decide cosa fare. Le Organizzazioni Teal permettono a tutti di assumersi responsabilità e di diventare protagonisti della propria storia aziendale. Nessun boss che detta legge da un’alta torre di avorio; al contrario, è come essere parte di un gruppo di supereroi che collaborano per raggiungere un obiettivo comune.
    In questo modo, le Organizzazioni Teal abbracciano la diversità e celebrano le abilità uniche di ogni individuo.
  • Interezza significa abbracciare la totalità di chi si è sul posto di lavoro. Niente più maschere, nessuna divisione tra il “lavoro” e la “vita privata”. Se sei un appassionato di giardinaggio o di suonare la chitarra durante il weekend, fallo! Porta la tua interezza sul luogo di lavoro. Le Organizzazioni Teal creano un ambiente che favorisce la completa espressione del sè, senza riserve per consentire alle persone di portare al lavoro un livello di energia, passione e creatività senza precedenti.
  • L’evoluzione è la ciliegina sulla torta Teal. Secondo Laloux, le organizzazioni Teal si adattano alle esigenze del mondo. Al contrario di piani rigidi con budget e obiettivi ben definiti, le organizzazioni Teal preferiscono pratiche agili che possono essere modificate rapidamente in risposta a scenari diversi. È interessante notare che, pur non avendo il profitto come obiettivo principale, le organizzazioni Teal spesso registrano risultati finanziari superiori rispetto ai loro concorrenti. Questo dimostra che, concentrandosi sulla flessibilità e sull’adattabilità, possono raggiungere successi economici inaspettati.
    Se qualcosa non funziona, cambialo. Semplice, no?

Valori Chiave

I valori per una azienda sono come il DNA umano e determina la loro identità unica. Vediamo più da vicino quali sono questi valori chiave per una azienda Teal e come influenzano il modo in cui queste organizzazioni operano.

  • Innovazione

In una Organizzazione Teal, l’innovazione è al centro di ogni processo e decisione aziendale. Qui, non si tratta solo di seguire le tendenze del mercato, ma di abbracciare la creatività in ogni aspetto. Per promuovere la creatività e l’innovazione all’interno della tua azienda, devi stimolare un ambiente in cui nuove idee possono sbocciare come fiori nel giardino della tua organizzazione.

  • Sostenibilità

Le Organizzazioni Teal abbracciano un approccio a lungo termine, concentrato su modelli di business sostenibili. In un mondo che chiede azioni concrete per preservare il nostro pianeta, essere Teal significa integrare la sostenibilità nei principi fondamentali.
Se vuoi avere consigli o analizzare il tuo impatto sostenibile contattaci! 

  • Agilità

L’agilità è un principio fondamentale per adattarsi ai cambiamenti del mercato. Nelle Organizzazioni Teal, questo non è solo un termine di moda, ma un principio fondamentale. 

  • Collaborazione

La collaborazione è alla base del successo e, nel mondo Teal, la collaborazione è come il collante che tiene insieme ogni aspetto del lavoro. Promuovere un ambiente collaborativo e incoraggiare la collaborazione in azienda, creando un ambiente dove le idee si intrecciano e si moltiplicano, è alla base di tutto. 

  • Gentilezza

La gentilezza è il segreto della cultura Teal. Non si tratta solo di realizzare obiettivi aziendali, ma anche di costruire relazioni umane positive. Piccoli gesti gentili possono creare un’atmosfera di fiducia e rispetto, migliorando la soddisfazione e la produttività del team. 


Modelli organizzativi comparati

Ora esploriamo il panorama dei modelli organizzativi e individuiamo similitudini e diversità rispetto al paradigma Teal.

  1. Modello Agile
    Le organizzazioni Teal e il modello Agile condividono la valorizzazione della flessibilità e la capacità di adattarsi ai cambiamenti. Entrambi enfatizzano la collaborazione e l’autonomia del team, cercando di spingere il potere decisionale più vicino agli individui che lavorano direttamente sulle attività. In entrambi i casi, c’è una chiara preferenza per una comunicazione aperta e regolare, promuovendo la trasparenza e la condivisione delle informazioni. Tuttavia, mentre il modello Agile si concentra spesso su progetti specifici, le organizzazioni Teal abbracciano una prospettiva più ampia, influenzando la struttura organizzativa nella sua totalità. Le Teal promuovono un approccio più olistico, incoraggiando la piena espressione di sé e il contributo individuale basato su punti di forza, mentre l’Agile si focalizza maggiormente sul raggiungimento degli obiettivi del progetto.
  2. Modello Lean
    Le organizzazioni Teal e il modello Lean differiscono nei loro approcci fondamentali. Mentre entrambi cercano di creare un ambiente in cui la collaborazione e l’efficienza sono priorità, le organizzazioni Teal si distinguono per la distribuzione organica del potere tra i team e gli individui. In contrasto, il modello Lean, derivato dalla produzione, pone maggiore enfasi sull’eliminazione degli sprechi e sull’ottimizzazione della catena del valore. Le Teal favoriscono una struttura più fluida, senza gerarchie rigide, e promuovono l’autogestione, mentre il modello Lean cerca di ridurre le interruzioni nel flusso di lavoro e di minimizzare cambiamenti improvvisi. Entrambi incoraggiano il miglioramento continuo, ma le Teal spingono verso un adattamento costante e un’evoluzione organica, mentre il Lean può richiedere pianificazioni più approfondite per apportare modifiche nel flusso di lavoro.
  3. Modello Gerarchico
    I modelli organizzativi tradizionalmente gerarchici, come quelli delle organizzazioni rosse e ambra, si differenziano notevolmente dalle Teal. Mentre le prime pongono l’accento sul controllo dall’alto verso il basso e sull’uso della paura come leva di autorità, le organizzazioni Teal si allontanano da gerarchie rigide, favorendo la distribuzione del potere e l’autogestione.
  4. Modello Olistico:
    Il modello olistico, che considera l’organizzazione come un sistema interconnesso e interdipendente, mostra somiglianze con le organizzazioni Teal nella considerazione degli stakeholder e nell’attenzione all’ecosistema aziendale. Entrambi cercano di creare valore oltre i confini interni dell’organizzazione.
  5. Modello Adhocracy:
    Le organizzazioni Teal condividono alcune caratteristiche con i modelli adhocratici, che favoriscono l’innovazione e la flessibilità. Tuttavia, le Teal vanno oltre, incoraggiando la partecipazione attiva di tutti gli individui sulla base dei loro punti di forza, mentre gli approcci adhocratici possono mantenere una certa rigidità gerarchica.


Implementazione nelle PMI

Transformare una PMI da un modello organizzativo caratterizzato da gerarchie rigide e controllo dall’alto verso il basso, in una organizzazione Teal, che promuove l’autonomia, la collaborazione e l’innovazione, è una sfida significativa ma fattibile. 

Il passaggio a una struttura Teal richiede un cambiamento culturale profondo, la redistribuzione del potere decisionale e l’incoraggiamento della responsabilità individuale. Indubbiamente quetso tipo di approccio deve essere condiviso e sostenuto dai senior leader aziendali.

Ecco alcuni passi chiave per intraprendere questa trasformazione:

  1. Comprensione e Accettazione:
    • Comprendere il modello Teal e accettare la necessità di cambiamento è il primo passo. Coinvolgere la leadership e il personale nella comprensione dei principi fondamentali delle organizzazioni Teal creerà una base solida per la trasformazione.
  2. Formazione e Consapevolezza:
    • Fornire formazione sulle pratiche Teal e creare consapevolezza sui benefici della trasformazione. Questo può coinvolgere workshop, sessioni di formazione e letture condivise per educare il team sulla nuova mentalità organizzativa.
  3. Valutazione della Cultura Aziendale:
    • Valutare la cultura aziendale attuale, identificando gli elementi che possono essere mantenuti e quelli che devono cambiare per allinearsi con i principi Teal. Ciò può implicare una revisione delle politiche aziendali, delle strutture gerarchiche e dei processi decisionali.
  4. Coinvolgimento dei Dipendenti:
    • Coinvolgere attivamente i dipendenti nella trasformazione, incoraggiando il feedback e la partecipazione. Creare uno spazio in cui le voci di tutti sono ascoltate e valorizzate, contribuendo alla costruzione di un ambiente più inclusivo.
    • Durante le riunioni utilizzare strumenti che agevolano la condivisione come Trello, Notion, Mirò, Loom. 
  5. Ridefinizione delle Strutture e dei Ruoli:
    • Rivedere e ridefinire le strutture organizzative e i ruoli in modo da promuovere l’autogestione e la presa di decisioni distribuita. Questo potrebbe comportare la creazione di team autogestiti e la riduzione delle gerarchie.
  6. Implementazione Graduale:
    • Implementare i cambiamenti gradualmente, evitando bruschi stravolgimenti che potrebbero generare resistenza. Introdurre nuove pratiche e processi passo dopo passo, consentendo al team di adattarsi progressivamente.
  7. Cultura di Fiducia e Apprendimento Continuo:
    • Promuovere una cultura di fiducia reciproca e apprendimento continuo. Incentivare la condivisione delle esperienze, l’assunzione di rischi e l’adattamento costante contribuirà a mantenere la dinamica Teal.

Innovazione e sostenibilità per un successo a lungo termine


Nelle organizzazioni Teal, l’innovazione non è limitata alla tecnologia, ma si estende a tutti gli aspetti dell’organizzazione, compresi i modelli di gestione dei collaboratori e l’ambiente lavorativo. L’importanza di considerare l’innovazione in modo olistico riflette il principio fondamentale di adattabilità delle Teal. Ciò significa promuovere un’atmosfera in cui ogni individuo è incoraggiato a contribuire con idee creative, miglioramenti e nuovi approcci, indipendentemente dalla loro posizione gerarchica. L’innovazione nella gestione dei collaboratori può tradursi in pratiche di leadership distribuita, un maggiore coinvolgimento dei dipendenti nella presa di decisioni e processi di valutazione delle prestazioni più flessibili.

Parallelamente, la sostenibilità nelle organizzazioni Teal va oltre l’ambito ambientale, abbracciando il concetto più ampio di ESG (Ambiente, Sociale e Governance). Le organizzazioni Teal si impegnano a integrare la sostenibilità in ogni aspetto delle loro operazioni. Sul piano ambientale, ciò potrebbe comportare l’adozione di pratiche ecologiche nei processi aziendali. Dal punto di vista sociale, le Teal si concentrano sulla creazione di un ambiente lavorativo inclusivo, rispettoso e che supporti il benessere dei dipendenti. La governance sostenibile implica la promozione di decisioni etiche e responsabili, mantenendo la trasparenza e l’equità nelle dinamiche decisionali. In una Teal, l’obiettivo a lungo termine è creare un’organizzazione che prosperi non solo dal punto di vista economico, ma che anche contribuisca positivamente alla società e all’ambiente. Integrare l’innovazione e la sostenibilità in questo contesto diventa cruciale per mantenere l’elasticità e l’equilibrio che definiscono le organizzazioni Teal.


Le Teal sono le aziende del futuro? 

Nel contesto del modello evolutivo di Laloux, l’adozione di modalità organizzative Teal emerge come una via promettente per il successo futuro delle aziende. Questo approccio risuona con i cambiamenti significativi nei valori delle persone di oggi e del prossimo futuro. 

Le nuove generazioni manifestano un crescente desiderio di autenticità, partecipazione e significato nel lavoro. Le strutture organizzative tradizionali, ancorate a gerarchie rigide e a modelli di comando e controllo, sembrano sempre più inadeguate a soddisfare le esigenze di un ambiente lavorativo in evoluzione. 

Le organizzazioni Teal rispondono a questa sfida abbracciando la fiducia, l’autonomia e la responsabilità condivisa come elementi chiave. In questo nuovo paradigma, il successo non è solo misurato in termini di risultati finanziari, ma anche nella capacità di creare ambienti di lavoro che nutrano la crescita individuale, la collaborazione e la connessione con un senso più profondo di scopo. 

In un’epoca in cui la fluidità e la rapidità del cambiamento sono la costante, le organizzazioni Teal, con la loro flessibilità e adattabilità, si presentano come un modello in grado di rispondere efficacemente alle esigenze emergenti, ponendo le basi per il successo e la sostenibilità nel futuro del lavoro.


E tu sei pronto a fare questa trasformazione? … o forse l’hai già fatta e non lo sai 😉

Attendo i vostri feedback!

The Good Attitude – Guida e ispirazione per l’evoluzione aziendale e la sostenibilità.

Condividi